La vittoria in Sardegna lancia il ‘campo largo’ in Abruzzo

Il risultato esaltante ottenuto in Sardegna dal centrosinistra dimostra che l’Italia e le sue regioni hanno voglia di cambiamento ma, soprattutto, oltre che costituire una bocciatura per le scellerate strategie del governo nazionale di centrodestra, confermano l’apprezzamento e la fiducia nel campo largo che ha premiato il centrosinistra”: lo sostiene Giovanni Cavallari, candidato al consiglio regionale dell’Abruzzo nelle elezioni del 10 marzo con la lista Abruzzo Insieme con Luciano D’Amico presidente.

Campo largo di cui il candidato presidente Luciano D’Amico è stato forte sostenitore – dice Cavallari -, al punto da esportarne il modello di proposta politico-amministrativa fuori dai confini dell’Abruzzo. Nella nostra regione, l’apporto del forte senso di iniziativa civica che parte da Teramo, potrà essere determinante nel prosieguo della campagna elettorale e per la vittoria finale della coalizione guidata dall’ex rettore dell’università di Teramo”.

Abruzzo Insieme è cardine fondante di questo nuovo modo di fare politica e la forza dellesperienza dei suoi amministratori sarà cemento del campo largo che già gli elettori della Sardegna hanno votato e sostenuto nel segreto delle urne. E’ la dimostrazione che il cambiamento è possibile ed è l’unica strada anche in Abruzzo per rilanciare la vita e l’economia dei territori di questa nostra regione martoriata da cinque anni di governo di centrodestra. E’ arrivata l’ora di rimandare a casa il governatore Marsilio e voltare pagina verso la rinascita della nostra provincia e della nostra regione – conclude Giovanni Cavallari -“.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + quattro =